In altre parole, chi vuoi parli bene di te e della tua azienda?

Se stai pensando ai tuoi clienti non sbagli. Però non basta, c’è anche altro.

Ma procediamo con ordine.

Senza clienti non vai da nessuna parte. Sei d’accordo?

Senza qualcuno che compri i tuoi prodotti o servizi, infatti, non puoi avere successo.

Ora facciamo un piccolo step in avanti. Ti chiedo di riflettere su questi due fatti:

  1. Acquisire un cliente nuovo costa in media 6-7 volte di più rispetto a fidelizzare un cliente che hai già.
  2. Un cliente soddisfatto e felice spesso ti consiglia ad altri potenziali clienti.

Secondo l’autorevole Harvard Business Review, aumentare la fidelizzazione del 5% porta a un aumento della redditività del 25-95%

Sono cose molto importanti da sapere, vero?

È inutile quindi fare i salti mortali per trovare nuovi clienti se poi non riusciamo nemmeno a tenerci quelli che abbiamo già. Costa di più, richiede più tempo, fa guadagnare di meno.

Insomma, saremmo proprio dei fessi se non ci provassimo. Ma come si fidelizza un cliente?

Non esiste una formula magica, ma sicuramente quello che ti sto per dire può aiutarti.

  • Eccedi le aspettative.  

Ognuno di noi si aspetta qualcosa dal prodotto o servizio che compra. Se l’esperienza che il cliente prova è anche migliore di quello che pensava, le probabilità che torni da noi sono decisamente più alte.

  • Offri solo ciò che risolve un bisogno reale.

Immagina di avere un problema e di star cercando qualcosa per risolverlo. Se il venditore di turno (o l’impresa di turno), ti spinge a comprare un determinato prodotto o servizio, ti aspetti che questo soddisfi davvero il tuo bisogno. È naturale.

Ma se ciò non accade, torneresti da quella persona/azienda?

  • La vendita non finisce quando batti lo scontrino.

Questo è troppo importante. Molte aziende e tanti venditori si “dimenticano” dei loro clienti una volta che la vendita è conclusa.

In sostanza, non si accertano che la persona sia contenta e soddisfatta di quello che ha comprato.

Dimenticarsi di farlo è un errore molto grave perché è proprio dopo l’acquisto che al cliente possono venire dei dubbi.

E se non c’è qualcuno che lo tranquillizzi, potrebbe pentirsi e quindi non tornare più da te.

Queste 3 strategie servono solo come linee guida generali.

Tu puoi ovviamente usare altri metodi per fidelizzare i tuoi clienti. Poco importa come, l’importante è che tu ci riesca.

Te la senti di scoprire chi sono gli altri ambasciatori fondamentali per la tua azienda?

Andiamo dritti al punto.

Sono le persone che lavorano con te.

Forse ti sembrerà un concetto un po’ innovativo, però è la verità.

Se i tuoi collaboratori sono felici e orgogliosi di quello che fanno, parleranno bene di te, giusto?

E parleranno bene di te con i loro amici, che faranno lo stesso con i loro di amici e via discorrendo.

Se sei in grado di far partire un passaparola positivo spontaneo dalle persone che lavorano al tuo fianco, è solo questione di tempo prima che numerosi candidati entusiasti si presentino alla tua porta.

Me questo non ti sembra abbastanza, considera quanti potenziali clienti si possono raggiungere in questo modo. Gratis.

Il passaparola è ancora oggi lo strumento di marketing più efficace.

Cosa devi fare quindi per innescare un passaparola positivo che parta dai tuoi collaboratori?

Secondo uno studio scientifico condotto su migliaia di dipendenti, i fattori che motivano davvero i lavoratori (in ordine di importanza) sono:

  1. Pieno apprezzamento per il lavoro svolto
  2. Sentirsi coinvolti nei problemi del lavoro
  3. Comprensione e interesse verso i problemi personali
  4. Buon livello salariale
  5. Sicurezza del posto di lavoro
  6. Lavoro interessante
  7. Promozioni e crescita insieme all’azienda
  8. Lealtà della direzione verso i lavoratori
  9. Buone condizioni di lavoro
  10. Una disciplina non opprimente

Come?? I soldi sono solo al 4° posto?

Ebbene sì, le persone voglio prima di tutto altre cose.

Le persone vogliono sentirsi parte di un team, di una squadra in cui ci si aiuta e ci si supporta a vicenda, in cui l’interesse reciproco è sincero.

Le persone vogliono essere coinvolte nelle strategie del management, vogliono sentirsi importanti.

Se trascuri questi aspetti, i tuoi collaboratori non saranno mai davvero felici di lavorare con te. Avrai perciò a che fare con gente che vuole solo uno stipendio e che non vede l’ora di tornarsene a casa.

Nella migliore delle ipotesi non parleranno a nessuno della tua azienda. Nella peggiore ne parleranno male.

In ogni caso, sapendo cosa serve per innescare quel meraviglioso passaparola positivo di cui tutti hanno bisogno, non ti resta che iniziare con questi semplici passi.

Spero che questo breve articolo ti possa aiutare a fidelizzare sia i tuoi clienti che le tue risorse umane.

Un abbraccio,
Andrea

SE VUOI RICEVERE MAGGIORI INFO SU COME GESTIRE AL MEGLIO LE TUE PERSONE, COMPILA ADESSO QUESTO MODULO

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo telefono (richiesto)

Provincia

Il tuo messaggio

Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l’informativa sulla privacy ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 1 do il consensonego il consenso
Finalità 2 do il consensonego il consenso
Finalità 3 do il consensonego il consenso