Se l’abito non fa il monaco, lo stile fa il manager. E su questo non c’è dubbio.
Se ancora ne hai uno, di dubbi intendo, concentrati a visualizzare Sergio Marchionne… Fatto? Cosa hai visto? Un uomo col maglione blu a girocollo. Ora ricomincia e visualizza Gianni Agnelli… Lo so, ti è balzato all’occhio l’orologio sul polsino… Adesso guardati allo specchio: cosa vedi?
Se vedi un imprenditore o un manager che molto spesso si trova troppo indaffarato e con troppo poco tempo a disposizione per preoccuparsi più di tanto del suo aspetto ecco, sappi, che qui abbiamo un problema perché in ruoli importanti come quello che rivesti tu anche l’occhio vuole la sua parte.
Cosa voglio dire con questo? Voglio dire che il tuo aspetto parla di te prima ancora che tu apra bocca. In tanti anni trascorsi ad affiancare gli imprenditori mi è capitato di incontrarne alcuni davvero geniali ma che avevano lo stesso aspetto trascurato di un pensionato (con la minima) dell’Inps. Questi stessi imprenditori geniali, spesso, avevano delle aziende che non riuscivano a raggiungere il successo che meritavano… Aziende con una immagine che ricalcava fedelmente quella del suo fondatore: trascurate, trasandate, impolverate. Perché il punto è uno solo: qualunque sia il settore in cui opera la tua impresa, sia che produca tombini di ghisa che servizi alla persona, alla fine deve sempre vendere ciò che vuole immettere sul mercato. E nessuno compera da un venditore dall’aspetto cencioso e trascurato.
Se l’aspetto è molto importante allora vale la pena dare qualche consiglio per imparare ad andare sul sicuro e offrire un’immagine di sé (e di conseguenza della propria azienda) affidabile e vincente.
Partiamo da un presupposto: Sergio Marchionne è Sergio Marchionne e può entrare alla Casa Bianca anche senza abito blu e camicia bianca: se lo facciamo io e te veniamo sbattuti fuori. Questo significa che solo ai personaggi noti è concesso derogare dall’etichetta di un certo stile, agli altri (e sono la maggioranza) conviene adeguarsi alle norme minime di eleganza. Ovviamente ogni ambiente nel quale ci si muova prevede un dress code: se vai in palestra, anche se sei Sergio Marchionne, non ci vai in camicia e maglione… Insomma l’eleganza sta anche nella capacità di saper interpretare l’ambiente in cui ci si troverà! Nei prossimi due post vedremo più nel dettaglio quali sono le regole base da applicare se sei un (o una) manager. Appuntamento alla prossima settimana dunque!